Reclami

La Banca d'Italia definisce quale Reclamo ogni contestazione scritta (es. lettera, fax, e-mail) di un comportamento anche omissivo dell’intermediario a quest’ultimo indirizzata da un Cliente (Disposizioni sulla trasparenza) e qualifica come Cliente “il soggetto che ha o ha avuto un rapporto contrattuale o è entrato in relazione con un intermediario per la prestazione di servizi bancari e finanziari, ivi compresi i servizi di pagamento.

La BCC di Castiglione M. Raimondo e Pianella, per la tutela della propria clientela, ha adottato una Policy per la gestione dei reclami ed ha stabilito la gestione accentrata dei reclami affidandola all’Ufficio Reclami, istituito presso la Direzione Generale.

La responsabilità della gestione dei reclami è in capo al Direttore Generale.

L’Ufficio Reclami è responsabile della gestione dei reclami relativi a:

  • operazioni e servizi bancari e finanziari (TUB);
  • comportamenti degli intermediari assicurativi, inclusi quelli dei propri dipendenti e collaboratori nello svolgimento dell’attività di intermediazione assicurativa (IVASS).

Per presentare un reclamo scritto il Cliente, alternativamente, può:

  • Trasmetterlo per posta ordinaria a B.C.C. di Castiglione M. Raimondo e Pianella - Ufficio Reclami - Viale Umberto I, 13 – 64034 Castiglione M.R. (TE)
  • Inviarlo per fax al numero 0861994215;
  • Inviarlo per posta elettronica alla casella callcenter08473@fedam.bcc.it
  • Inviarlo per posta elettronica certificata alla casella o all’indirizzo di posta elettronica certificata 08473.bcc@actaliscertymail.it
  • Consegnarlo direttamente alla Filiale dove è intrattenuto il rapporto, che provvede al ritiro del reclamo ed alla successiva trasmissione all'Ufficio Reclami.

Per agevolare la presentazione del reclamo la Banca ha predisposto un Modulo standard disponibile presso la Filiale e gratuitamente scaricabile dal sito internet della banca.

La Banca risponderà entro i termini di legge. Se il reclamo sarà ritenuto fondato, la Banca lo comunicherà per iscritto al Cliente, precisando qualora la soluzione del problema segnalato dal Cliente non potesse essere immediata o richiedesse interventi organizzativi o tecnologici, i prevedibili tempi tecnici che risulteranno a tal fine necessari. Qualora, invece, la Banca ritenesse di non accogliere il reclamo, risponderà comunque per iscritto precisando le ragioni della sua decisione.

Nel caso in cui il Cliente non dovesse ritenersi soddisfatto della risposta pervenuta dalla Banca, egli mantiene il diritto di ricorrere a qualunque forma di risoluzione giudiziale o stragiudiziale della controversia.

  • Controversie inerenti operazioni e servizi bancari e finanziari
    • all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF): i) se l'operazione o il comportamento contestato è successivo alla data dell' 1.1.2009; ii) nel limite di 100.000 euro se il reclamo comporta la richiesta di una somma di denaro; iii) senza limiti di importo, in tutti gli altri casi. Per sapere come rivolgersi all'Arbitro www.arbitrobancariofinanziario.it
    • al Conciliatore Bancario-Finanziario – Associazione per la soluzione delle controversie bancarie, finanziarie e societarie – ADR.

Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.conciliatorebancario.it dove è disponibile il relativo Regolamento;

  • ad altro organismo specializzato iscritto nell'apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia. L'elenco degli organismi di mediazione è disponibile su www.giustizia.it
  • Controversie inerenti servizi e attività d’investimento
    • all’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) per la risoluzione di controversie insorte con la Banca relativamente agli obblighi di diligenza, correttezza, informazione e trasparenza previsti nei confronti degli investitori (nell’esercizio delle attività disciplinate nella parte II del D.Lgs. n. 58/98, incluse le controversie transfrontaliere e le controversie oggetto del Regolamento UE n. 524/2013).

Per maggiori informazioni si può consultare il sito www.acf.consob.it

  • ad altro organismo specializzato iscritto nell'apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia. L'elenco degli organismi di mediazione è disponibile sul www.giustizia.it
  • Controversie inerenti l’intermediazione assicurativa
    • Alle COMPAGNIE ASSICURATIVE - per quanto concerne la gestione del rapporto contrattuale, l’effettività della prestazione, la quantificazione ed erogazione delle somme dovute. Per maggiori informazioni si possono consultare i siti delle Compagnie Assicurative di prodotto.
    • all’IVASS – Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni; le informazioni relative alle modalità di presentazione di un reclamo all’IVASS, e la relativa modulistica, sono disponibili su www.ivass.it. Restano esclusi dalla competenza dell’Ivass, le controversie in materia di distribuzione di prodotti finanziari emessi da imprese di assicurazione (polizze ramo III e V), per le quali vale invece la competenza di cui al precedente punto 2) in materia di servizi e attività di investimento.
    • ad altro organismo specializzato iscritto nell'apposito registro tenuto dal Ministero della Giustizia. L'elenco degli organismi di mediazione è disponibile sul sito www.giustizia.it.

Per saperne di più

Guida Arbitro Bancario Finanziario

Guida Arbitro per le Controversie Finanziarie

Regolamento del Conciliatore Bancario Finanziario

Informativa su Regolamento Arbitro per le Controversie Finanziarie

Colonna DX Pagine Interne
Crediper - Prestito Personale

Una mano per la ripresa